Migliori Smartphone: guida all’acquisto

Se stai pensando di sostituire il tuo vecchio telefono con un modello di questo anno, all’interno di questa guida troverai i migliori smartphone per regalare a te stesso uno tra questi modelli più ricercati di telefoni hi-tech.

Di seguito faremo una breve recensione con le caratteristiche maggiormente allettanti dei telefoni più all’avanguardia del momento, per darti la possibilità di fare l’acquisto che sia più vicino possibile alle tue esigenze. Da iPhone ad Asus, passando per Samsung, Xiao Mi e Huawei, ecco i modelli presenti in questa guida all’acquisto.

  • iPhone 12 Pro
  • iPhone 12 Mini
  • Samsung Galaxy S20+
  • Xiaomi Mi 10T Pro
  • Huawei P40 Pro
  • ASUS ROG Phone 3

iPhone 12 Pro

Il design di iPhone riprende le linee del quinto modello con uno stile minimalista, non molto esaltante eppure efficace come non mai. Torna quindi lo spessore, gli spigoli pronunciati il tutto racchiuso in una cocca in bordata in metallo. Promette di resistere sott’acqua fino a 6 metri e di essere a prova di graffio grazie al suo schermo con Ceramic Shield.

Puoi vedere video e foto brillanti grazie al display OLED Super Retina da 6,1 pollici a 60Hz e speaker Integrato che vanta un suono corposo e profondo, godibile anche grazie alla perfetta gestione del Bluetooth per collegare auricolari e casse esterne, il tutto ben orchestrato dal processore Apple A14 Bionic, memoria di sistema 6GB e storage da 128, 256 e 512 GB. i tuoi scatti saranno sempre perfetti con la fotocamera anteriore da 12MP e tripla fotocamera posteriore.

iPhone 12 Mini

Modello più piccolo ed economico rispetto al 12 Pro, l’iPhone 12 Mini riprende le stesse caratteristiche dei fratelli più grandi e pompati, almeno nell’aspetto, ma con un fattore di forma visibilmente ridotto.

Nonostante sia più piccolo non si fa mancare proprio nulla. Dispone di uno schermo OLED Super Retina da 5,4 pollici con una risoluzione a 2340 x 1080, una memoria di sistema da 4GB e una capacità da 64, 128 o 256 GB ed è già 5G ready e offre connettività super veloce tramite attacco Lightning. Il piccolo di casa Apple dispone di una fotocamera frontale da 12 MP e doppia fotocamera posteriore da 12 e 12 MP con possibilità di registrazione in Dolby Vision.

Se le caratteristiche di questo mini gioiello possono sembrare già esaltanti, lo saranno ancora di più sapendo che tutto ciò è racchiuso in soli 133 grammi di peso e soli 7,4 mm di spessore.

Samsung Galaxy S20+

Finalmente abbiamo tutto quello che serviva in un telefono ma senza esagerazioni o lusso sfrenato. Dal punto di vista estetico, il nuovo Galaxy S20+ non è cambiato molto dai modelli precedenti e sembra quasi che la lentezza che scandisce questo anno particolare, influisca sul design dei nuovi modelli, sui quali si preferisce non perdere troppo tempo a rimodernarli più di tanto, almeno sul piano estetico.

Si pensa alla sostanza e quindi diverse versioni: connettività 4G con 8GB di sistema e 128GB di memoria, oppure 5G con 12GB di sistema e 128 o 512GB di memoria, display AMOLED da 6,7 pollici 1440 x 3200 pxl a 120Hz, processore Snapdragon 865 Octa Core, fotocamera anteriore da 10MP e posteriore quadrupla da 12, 12, 64 e ToF VGA.

Xiao Mi 10T Pro

Tutto e poco: rispettivamente si parla di funzioni e prezzo. Nel corso degli ulltimi anni XiaoMi ha sorpreso sempre di più la clientela, con modelli dalle prestazioni che via via, hanno saputo accorciare le distanze con la concorrenza, offrendo valide alternative più economiche. Il punto più alto lo ha raggiunto con il Mi 10T Pro.

Questo telefono ha un display da 6,67 pollici con risoluzione da 2340 x 1080 e un incredibile refresh a 144Hz, ben più in là di quanto offre la concorrenza, ideale per rivedere i video registrati grazie alla potente tripla fotocamera posteriore da 108, 13 e 5MP o per i selfie con fotocamera frontale da 20MP, il tutto gestito all’interno di un sistema che vanta un processore Snapdragon 865, 8GB di sistema e 128 o 256GB di memoria, arricchito infine con connettività 5G, GPS, Bluetooth, WiFi, NFC e connessione USB Type C.

Huawei P40 Pro

In contrasto con le linee adottate dalla concorrenza, Huawei decide di sfidare la moda del momento che ripropone l’estetica dei modelli precedenti. Il P40 Pro si propone con una nuova veste estetica che sembra venire direttamente dal futuro, fatta di superfici lisce e lucide, bordi e angoli arrotondati e certificazione IP68 per resistere all’intrusione di polvere e acqua.

Lo schermo non ha un bordo o una cornice poiché copre l’intera superficie. Il display da 6,58 pollici ha un refresh di 90Hz e risoluzione a 1200 x 2640 pxl con un’ottima gamma di colori e lo speaker è integrato nello schermo.

Monta un processore Kirin 990 OctaCore, 8GB di sistema e 256GB di memoria espandibile di ulteriori 256GB mediante scheda NanoSD. La fotocamera posteriore tripla da 50, 40 e 12MP è in grado di girare video in 4K a 60fps e dispone di un’ottima fotocamera frontale a 32MP con sensore di profondità. È possibile inserire due SIM ma solo una è in 5G. Grande assente: il jack da 3,5mm per cuffie.

Asus ROG Phone 3

Asus non è soltanto capace di costruire PC e componenti hardware per l’informatica e lo ha dimostrato mettendosi al lavoro nel settore della telefonia, mantenendo sempre quell’impronta nerd che attira gli appassionati del gaming anche su telefono.

Con il nuovo ROG Phone 3, Asus però ha sfidato sé stessa, provando a superare il precedente ROG Phone 2, modificandone leggermente il design, rendendolo più familiare agli utenti, grazie a delle linee che ricordano più un telefono e meno un PC o una console portatile.

Ovviamente, eccelle nelle caratteristiche hardware, a partire dal potente processore a 3.1GHz Snapdragon 865 Plus che supporta 5G, al quale si aggiunge una GPU dedicata Adreno 650 per spingere al massimo giochi e applicazioni più esigenti. Puoi godere di una chiarezza delle immagini mai viste su un telefono, grazie al display AMOLED da 6,59 pollici con risoluzione 2340 x 1080 a 144Hz, 8GB di sistema e 256GB di memoria e tante altre funzioni e caratteristiche che fanno di questo dispositivo uno tra i più desiderati del 2020.

Smartphone: guida all’acquisto

Ci sono alcune cose che bisogna considerare quando si intende acquistare uno smartphone; infatti, vanno esaminate le caratteristiche e le prestazioni che è in grado di offrire, oltre che valutare l’ampiezza della memoria che deve essere decisamente spaziosa visto che oggi le app sono molto utilizzate e una volta installate richiedono un elevato numero di Giga.

Analizzare il processore dello smartphone

Il processore di uno smartphone noto anche come chipset o SoC, è l’elemento responsabile di quasi tutto ciò che funziona sul dispositivo. È essenzialmente il cervello del sistema, e la maggior parte di questi processori è inoltre dotata di funzionalità AI che rendono il telefono intelligente. Un ottimo processore non solo consente al dispositivo di funzionare senza problemi, ma è anche in grado di migliorare altri fattori come l’elaborazione delle immagini.

I telefoni Samsung ad esempio, sono disponibili in due varianti: una che ospita il chipset Snapdragon e un’altra che utilizza invece il processore Exynos interno di Samsung (l’ultimo è Exynos 990). Da ciò si evince che quando si deve scegliere uno smartphone è fondamentale sapere di quale processore è dotato, poiché le prestazioni sono direttamente ad esso correlate.

Quelli della Apple inoltre sono noti per la loro potenza di calcolo e rappresentano una valida alternativa al sistema operativo Android. A margine va tuttavia aggiunto che ci sono anche alcuni processori a bassa potenza e per dispositivi di fascia media come lo Snapdragon 730G, e tanti altri che si trovano comunemente negli smartphone più economici. Se si dispone quindi di un budget limitato, vale comunque la pena considera l’acquisto di telefoni con uno di questi processori.

Valutare la capacità della RAM

Quando in un dispositivo come lo smartphone si parla di RAM, ci si riferisce alla memoria che utilizza per contenere i dati che le applicazioni attive richiedono. Una parte della RAM dello smartphone viene sempre utilizzata dal sistema operativo per mantenerlo in funzione. Averne quindi una sufficiente può consentire di installare un numero maggiore di app.

Tuttavia, alcuni brand costruttori di smartphone stanno rompendo tutte le barriere e installando ben 12-16 GB di RAM nei loro dispositivi. Questo è però decisamente eccessivo per gli smartphone, soprattutto se non si prevede di passare da 10 a 20 app contemporaneamente. Inoltre se il dispositivo serve solo per usare la funzione chiamata, SMS, WhatsApp e per una navigazione leggera, 3-4 GB di RAM sono più che sufficienti.

Scegliere il sistema operativo

Oggi per gli smartphone la scelta del sistema operativo è ristretta a due: Android o iOS. In realtà è tuttavia più complicata di quanto si immagini poiché entrambi hanno un elenco considerevole di pro e contro.

Da ciò si deduce che se piace armeggiare con il dispositivo e personalizzarlo a proprio piacimento Android è l’ideale, viceversa se si preferisce un sistema operativo semplice e potente che riceve aggiornamenti software costanti ed è supportato per un periodo più lungo, l’opzione iOS va in questo caso considerata.

Inoltre è importante sottolineare che iOS come sistema operativo, ha dei limiti; infatti, in alcuni casi non permette di caricare le app da internet se non sono disponibili sull’App Store, e non è possibile personalizzare la schermata iniziale.

Considerare la presenza di un buon display

Le dimensioni del display degli smartphone sembrano essere in costante aumento e i brand costruttori si stanno spingendo oltre il limite di ciò che ci aspetteremmo; infatti, oggi in tal senso hanno raggiunto il top ovvero i 6,9 pollici. A margine in termini di scelta del display di uno smartphone il consiglio è di optare per uno che sia sopra i 5,7 pollici in modo ci si possa immergere al meglio nei giochi e nei media.

Per quanto riguarda invece la tecnologia è importante sottolineare che i migliori sono quelli LCD e AMOLED, e questi ultimi hanno varianti come OLED o Super AMOLED (nel caso di Samsung) e offrono un ottimo contrasto e delle tonalità più scure. Sempre in riferimento a questa sezione di uno smartphone, va altresì aggiunto che la scelta può essere ottimizzata scegliendo il display con varie risoluzioni come ad esempio la Full HD, Full HD + Quad HD.

Come nota a margine va aggiunto che gli smartphone recentemente sono stati corredati di un sistema di pixel denominato binning che trasforma quattro o più in uno solo e di grande dimensione, e che consente di ottenere una maggiore chiarezza in termini di immagini e quindi di visualizzarne al meglio alcuni dettagli. Inoltre, per ora il consiglio è di stare lontano dai sensori da 108 MP poiché al momento sono piuttosto ruvidi intorno ai bordi e presentano fastidiosi problemi di messa a fuoco automatica.